Recensione: Creed – Nato per combattere

creed

Genere: Drammatico

Regia:  Ryan Coogler

Cast: Michael B. Jordan, Sylvester Stallone, Tessa Thompson, Phylicia Rashad, Tony Bellew

Durata: 132 min.

Distribuzione: Warner Bros.

 

 

 

Vi ricordate di Rocky Balboa, campione capace di vincere sul ring e nella vita? E di Apollo Creed, prima sfidante e poi grande amico dello stallone italiano, scomparso durante una gara di boxe contro il brutale  sfidante sovietico Ivan Drago? Senza raccontare in toto ogni episodio di Rocky, dalle prime immagini di Creed – Nato per combattere veniamo alla conoscenza di Adonis, ragazzino ribelle che si scopre essere figlio illegittimo di Apollo. Dopo che la moglie di Creed viene in sua conoscenza, il giovane viene trasferito nella lussuosa abitazione del campione. La sua vita cambia: ha un lavoro fisso in un’azienda di successo, una madre che lo adora. Ma non basta. La sua passione per il pugilato, così come il mito di suo padre, morto prima che lui nascesse, lo spinge a una radicale decisione: abbandonare tutto, la vita mondana di Los Angeles e le macchine di lusso, e trasferirsi a Philadelphia, e lì incontrerà Rocky, la leggenda della boxe che ha appeso i guantoni ai chiodi per gestire il ristorante Adrian’s, in ricordo di sua moglie.

creed_rocky

Mai ci si poteva aspettare che Creed potesse rivitalizzare un’intera saga. In questo periodo tentativi di questo genere sono all’ordine del giorno. Alcuni falliscono, altri invece sorprendono, come questo. Il film diretto da Ryan Coogler è riuscito a trasmettere la stessa fisicità e intensità del primo Rocky, grazie a scelte di regia davvero accurate, dal lungo utilizzo del piano sequenza visibile in particolare modo nel primo match di Adonis, ai continui cambi di stile, da quello televisivo come se stesse riproponendo le vecchie battaglie dei colossi della boxe, a quello più strettamente cinematografico con un utilizzo dinamico e ritmato del montaggio. I colpi li vedi, li senti, e questo è certamente un “punto” a favore di questa pellicola che partiva nettamente in svantaggio, visto che davanti a se aveva l’ombra possente di una saga che ha lasciato il segno nella cinematografia contemporanea. Non ha sfigurato il film sul giovane ragazzo afroamericano interpretato da Micheal B. Jordan, il quale, come l’italoamericano Stallone, si trova a doversi difendere dalla propria condizione di emarginato e dal suo passato tanto intrigato quanto difficile da tenerselo alle spalle. Anche se il giovane viene comunque salvato dal proprio destino infelice, la paura di non essere come il padre e di fallire miseramente continua incessantemente a tormentarlo. Lo stesso Balboa, in uno degli allenamenti, sottolinea come il primo sfidante da combattere sul ring non è quello che si ha di fronte ma quello che si ha dentro di sé, e questo lui lo sa bene, visto quello che ha subito. Stallone – Balboa (due persone ormai fuse in un corpo solo) insegna a non arrendersi e a vivere accettando le ferite subite e le sconfitte. Se da un lato l’umanità e allo stesso tempo la forza che risiede ancora in Rocky lascia davvero il segno, dall’altro il film perde inesorabilmente per via di una storia già vista, troppo simile al primo capitolo dal punto di vista narrativo. Resta comunque un’ottima prova di stile, e un buon modo di tornare a rivivere quelle emozioni che il “vecchio” ci ha regalato.

Voto: 3,5 su 5

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. wwayne ha detto:

    Creed è senza dubbio un ottimo film. Lo si vede fin dall’inizio, con l’idea geniale di introdurre il titolo del film subito dopo la domanda del giovane Adonis “Chi era mio padre?”. Certo, qualche punto debole c’è: alcuni dialoghi sono da sottoprodotto televisivo, e anche alcune situazioni si svolgono in maniera innaturale (ad esempio, il litigio per strada tra Adonis e Bianca si risolve in modo troppo rapido e inverosimile). Tuttavia, nel suo complesso Creed è un film ampiamente convincente, e quindi stramerita il successo di critica e di pubblico che sta raccogliendo.

    Mi piace

    1. Riccardolore ha detto:

      Hai ragione. Alcune cose non mi hanno molto convinto, soprattutto la focalizzazione sul protagonista principale e la storia nel suo complesso. Fortunatamente sia Stallone che la regia lo hanno reso davvero convincente.

      Mi piace

      1. wwayne ha detto:

        Dimenticavo la pecca più grave: non aver evitato alcuni stereotipi, come quello per cui i neri sono gente rissosa. Colpa ancora più sorprendente, se teniamo conto che a dirigere il film è stato un afroamericano. Comunque hai centrato il punto: senza Stallone questo film sarebbe stato un disastro. Forse è la prima volta che mi capita di vedere un film che si regge sulle spalle di un non protagonista. Grazie per la risposta! 🙂

        Mi piace

      2. Riccardolore ha detto:

        Si. Non è tanto una pecca, ma un cliché. Mi sono dimenticato di un’altra cosa: il sosia di Fedez nel primo match. 😉

        Mi piace

      3. wwayne ha detto:

        Beh, il villain tatuato è una delle tante note tamarre che in un film di Stallone ci devono essere per forza! 🙂 A presto! 🙂

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...