Speciale TFF34 – Recensione: I figli della notte di Andrea De Sica

Genere: Drammatico

Regia: Andrea De Sica

Cast: Vincenzo Crea, Ludovico Succio, Fabrizio Rongione, Yuliia Sobol

Durata: 85 minuti

Distribuzione: Rai Cinema

Un cognome ingombrante e l’ambizione di seguire le orme di famiglia. Dopo Vittorio e Christian, la dinastia De Sica aggiunge un tassello ed aggiorna la storia con il figlio del compianto Manuel, fratello di Christian, Andrea. E lo fa con un titolo in Concorso al TFF34, I figli della notte, un film che si apre con un bianco accecante ed una violenza sonora che vaticinano scenari sinistri. Giulio, figlio di ricca famiglia, viene spedito dalla madre in collegio, un collegio sperduto tra le montagne dell’Alto Adige, celebre per i metodi rudi ed inflessibili ma anche per essere struttura che forma la futura classe dirigente; i rampolli italiani usano essere alunni della scuola-caserma per poter ricevere un’istruzione ma anche un’educazione, poter avere “il giusto passo“, che le rispettive famiglie, troppo occupate dalla carriera, dai viaggi d’affari e spesso non preparate alla genitorialità, non hanno la possibilità di imprimere. Andrea De Sica porta sullo schermo un film che ha potenza e violenza visiva indiscutibili ma che si regge su esili presupposti e una scarsa urgenza narrativa di fondo. i-figli-della-notte-di-andrea-de-sica-1067x534La sua vena cinefila è evidente ed innegabile, è un “figlio del video” che dalla più tenera età ha fagocitato pagine di cinema e le ha introiettate facendole sue, in modo più o meno inconsapevole; ma le plurime e reiterate citazioni autoriali, dall’Overlook Hotel di Kubrick agli scenari onirici di lynchiana memoria, passando per Dario Argento, Lindsay Anderson e il miglior Haneke, non fanno altro che rendere poco personale e puro e sterile esercizio di stile il primo lungo di Andrea De Sica, che non propone “niente di nuovo sotto il sole“, se non un insieme di idee altrui che nulla aggiungono ad un titolo che manca di sostanza e di reale necessità narrativa. Eventi e colpi di scena non mancano, dagli atti di nonnismo perpetrati nottetempo alle scappatelle notturne al vicino night-club, dalle storie d’amore alla tematica del suicidio ma il complesso non compone un corpo unico, risultando slegato, con gli snodi della storia tanto prevedibili quanto inconcludenti. Tanta carne al fuoco ed un soggetto che poteva essere interessante, ma che, per molti versi, resta come un urlo strozzato in gola. Un vero peccato.

Voto: 2 su 5

Il trailer del film:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...