Piccolo Festival dell’Animazione 2016 – il programma completo

34411_VIVACOMIX_1_Front

Trieste, Udine, Lignano, Dobbia e Pordenone: queste sono le cinque location regionali, a cui si aggiunge quest’anno Venezia, per una tappa d’eccezione all’Accademia di Belle Arti, dove dal 12 al 29 dicembre si svolgerà la nuova edizione del Piccolo Festival dell’Animazione, evento promosso dall’associazione Viva Comix con Animateka di Lubiana, il supporto di Regione Friuli Venezia Giulia e con la direzione artistica di Paola Bristot, che porta alla ribalta la migliore produzione di cortometraggi in disegno animato d’autore proveniente da tutto il mondo.

Si tratta di dieci eventi in tutto che saranno occasione per il pubblico di scoprire stili, generi e narrazioni che fanno dell’animazione analogica e digitale una della realtà di sperimentazione e innovazione tra le più ricche e variegate di questi anni.

Il programma ufficiale

34411_VIVACOMIX_1_Front

L’apertura ufficiale, anticipata lo scorso mese dalla presentazione del documentario Bozzetto non troppo di Marco Bonfanti a Cinemazero di Pordenone e Visionario di Udine, dalla masterclass sul cinema di animazione tenuta da Paola Bristot al Centro Sperimentale di Cinematografia di Torino e dalla partecipazione allo Short Market Torino Film Festival, è fissata per lunedì 12 dicembre a Trieste alle 18.00 allo Studio Tommaseo – Trieste Contemporanea. Grazie alla preziosa collaborazione con la galleria della città, il Piccolo Festival dell’Animazione aprirà con un incontro che vedrà protagonisti Chris Landreth, animatore americano premio Oscar per Ryan, l’artista Anna Budanova e Igor Prassel, fondatore e direttore artistica di Animateka, festival partner di progetto di Viva Comix.

Sempre a Trieste, al mattino, dalle 10 al Cinema Ariston grazie alla collaborazione con La Cappella Underground si svolgerà una matinée per gli studenti che partirà con la proiezione dei film della sezione AnimaKIDS 2 e culminerà nella masterclass con l’artista Chris Landreth. A Pordenone, nella stessa giornata, la Biblioteca Civica accoglierà la proiezione dei film della sezione AnimaKIDS 2, per ragazzi e famiglie, a partire dalle ore 19.00.

Martedì 13 il Piccolo Festival dell’Animazione approderà alle 11 all’Accademia di Belle Arti di Venezia, dove Landreth incontrerà gli studenti e illustrerà e commenterà i propri lavori. A Pordenone, in collaborazione con Cinemazero, prenderà il via una intensa maratona di proiezioni dalle 20.30 nelle sale di Piazza Maestri del Lavoro. Si comincerà con la visione dei film in competizione per proseguire con quella dei film della nuova sezione Visual&Music, dedicata alle opere che propongono nuove modalità di dialogo tra suono e immagini animate.

Il Festival proseguirà mercoledì 14 dicembre a Dobbia, dove grazie alla collaborazione con DobiaLAB, verrà proposta dalle 20.30 la Live Performance musicale Re-cycling Live. A esibirsi sulle immagini del film collettivo Re-cycling, ideato e prodotto da Viva Comix, sarà la Compagnia d’Arte Drummatica. Seguirà alle 21 la visione dei film della sezione AnimaKIDS 2. Nel pomeriggio, alle 17, presso il Cinecity di Lignano, i più piccoli insieme alle famiglie potranno scoprire i gioielli della sezione AnimaKIDS 1, grazie alle collaborazione col Comune di Lignano, Cinemazero e C.E.C. – Centro Espressioni Cinematografiche.

La chiusura della prima settimana di Festival è affidata alla matinée in programma al Visionario di Udine venerdì 16 dicembre: per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado saranno proposti i film della sezione AnimaKIDS 1. L’apertura della mattinata sarà affidata alla proiezione del cortometraggio realizzato dagli allievi della scuola Pacifico Valussi di Udine che hanno seguito il workshop dell’associazione OTTOmani condotto da Roberto Paganelli col coordinamento didattico della professoressa Fulvia Spizzo.

Dopo la pausa natalizia, il Piccolo Festival proseguirà la sua corsa con le due consuete tappe triestina e udinese. Mercoledì 28 dicembre al Cinema Teatro Miela andrà in scena alle 20.30 Re-cycling live, con la esibizione del pianista Riccardo Morpurgo in collaborazione con Wunderkammer. Alle 21 partirà la visione dei film in competizione seguita, alle 22.30, dalla proiezione dei film della Animazione Italiana.

Al Visionario di Udine, invece, storica tappa conclusiva del Festival, prenderà forma giovedì 29 dicembre dalle 20.30 la cerimonia di proclamazione dei film vincitori, scelti dal voto popolare. Si comincerà con la proiezione dei film in competizione, si proseguirà alle 22.00 con quella dei film della sezione Visual&Music.

Il Piccolo Festival dell’Animazione è organizzato da Associazione Viva Comix in partnership con Animateka Film Festival, Stripburger (Ljubljana), Mediateca Mario Quargnolo del Visionario, CAV Centro Arti Visive, C.E.C (Udine), Cinemazero, Biblioteca Civica (Pordenone), Trieste Contemporanea, Casa del Cinema, La Cappella Underground, Mediateca de La Cappella Underground (Trieste), DobiaLab (Dobbia). In collaborazione con Comune di Udine, Comune di Lignano, Istituto Italiano di Cultura di Lubiana, Centro Nazionale del Cortometraggio, WunderKammer (Trieste), La Fabbrica del Vedere (Venezia), OTTOmani Laboratori (Bologna). Nell’ambito di Viva i Fumetti 17° edizione con il supporto di Regione FVG.

34411_VIVACOMIX_1_Front


Chi è Chris Landreth?

Classe 1961,Chris Landreth è un animatore americano che lavora in Canada, noto al pubblico per Ryan, film del 2004 che gli valse l’Oscar per il migliore cortometraggio di animazione.

Dopo una breve carriera da ingegnere, Landreth si dedica all’animazione iniziando a muovere piccoli passi nel mondo della computer animation. Negli anni Novanta realizza alcune opere in CGI come Grade, The End e Bingo. The End conquista la nomination agli Oscar nel 1996. In seguito incontra Ryan Larkin, celebre animatore tra gli anni 60 e 70, in preda ad abuso di sostanze e senza fissa dimora. La sua storia tragica sarà al centro di Ryan.

Nel 2009 col suo The Spine, vince al Melbourne International Animation Festival. Prodotto dal National Film Board of Canada in collaborazione con Copperheart Entertainment, C.O.R.E. Digital Pictures e Seneca College, The Spine descrive un uomo che è fisicamente e figurativamente senza spina dorsale. La sua ultima opera è Subconscious Password, terza realizzata con NFB, Seneca College e Copperheart Entertainment. Ha vinto il premio come miglior cortometraggio al Festival di animazione di Annecy nel 2013. Landreth è attualmente artist in residence alla Università di Toronto. Sta lavorando a un lungometraggio che è un adattamento della graphic novel sulla biografia di H.P. Lovecraft curata da Hans Rodionoff, Enrique Breccia e Keith Giffen. I suoi film Ryan, The Spine e Subconscious Password sono stati inclusi nella Animation Show of Shows.Chris Landreth è Maestro alla Pechino DeTao Master Academy (DTMA), istituto di formazione di alto livello di Shangai. Chris Landreth utilizza la classica animazione CGI standard a cui aggiunge la tecnica assolutamente originale dello Psychorealismo che dona un tocco surrealista alla sua opera. In particolare a The End, The Spine, Bingo e a Ryan dove i traumi psicologici sono contorsioni, lacerazioni surreali e deformità che trovano impressionante manifestazione nei volti e nei corpi.

Hastgag #PiccoloFestivalAnimazione

Per ulteriori informazioni, www.piccolofestivalanimazione.itwww.vivacomix.net

Pagina Facebook www.facebook.com/PiccoloFestivalAnimazione 

Profilo Instagram www.instagram.com/vivacomix

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...