Recensione: Gone girl – l’amore bugiardo

gone-girl-posterGenere: drammatico/thriller

Regia: David Fincher

Cast: Ben Affleck, Rosamund Pike, Neil Patrick Harris, Tyler Perry

Durata: 145 minuti

Distribuzione: 20th Century Fox

Menzogna, paura, sospetto, tradimento, vendetta, pentimento. Il nuovo lavoro del regista David Fincher, Gone girl – l’amore bugiardo, tratto dal romanzo di Gillian Flynn (e sceneggiato da quest’ultimo ndr), è un thriller con risvolti noir serrato, chirurgico, senza sbavature. Fincher è tornato, e con esso la sua messinscena più cupa, come già in Zodiac o Seven, senza sconti, lavorando di cesello e di suggestioni. Gone girl porta sullo schermo la vita matrimoniale di una coppia in difficoltà, tra le vicissitudini familiari e le avversità lavorative; Nick Dunne, interpretato da Ben Affleck e la moglie Amy, Rosamund Pike, sono giunti al loro quinto anniversario, giorno in cui lei scompare lasciando dietro di sé soltanto un tavolino da salotto rovesciato e tracce di sangue frettolosamente ripulite in cucina. Il resto è lo snodo del canovaccio, che narra e dissimula, senza sapere, molte volte, dove si ponga il confine tra verità e menzogna. Dopo un inizio più canonico ed ordinario, dove si vede meno la mano registica fincheriana, si passa a quello che il cineasta americano sa fare con maggior maestria: costruire una narrazione in cui lo spettatore si addentra, (in)consapevole che presto le strutture rodate e le previsioni più ovvie saranno inesorabilmente destinate a saltare. Questo è Fincher, che fagocita e si fagocita, cita e si autocita, con un’ipertestualità evidentissima. Da rimandi Hitchcockiani a The Game, da Millennium – uomini che odiano le donne a The social network, Gone girl è un turbinio di rinvii a personaggi già sviscerati in passato, a tematiche trattate di petto, ma senza diventare mai didascalico o ripetitivo, tantomeno prevedibile. Una Rosamund Pike che fa inneggiare alla rivelazione; una iniziale voce narrante che fa presagire il divenire e lo sguardo di Amy dritto in macchina. Gone girl rappresenta un lavoro di altissimo profilo con una critica sapida alle convenzioni sociali, ai mass-media che tutto estremizzano ed esasperano, alla volubilità dell’opinione pubblica. Il punto di vista del narratore è ingannevole e cangiante, conferendo un senso di smarrimento e di dubbio.
Un film caldamente consigliato.

Voto: 4 su 5

Il trailer del film:

In uscita nelle sale italiane dal 18 dicembre 2014

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. lapinsu ha detto:

    Bene, FIncher è tornato, confesso che un po’ mi mancava. A parte Il curioso caso di Benjamin Button i suoi film sono tutti autentici capolavori. Non vedo l’ora di vedere questa ultima fatica
    Ovviamente complimenti per il commento: non che fosse difficile convincermi a vedere Gone Girl, cmq il tuo post è veramente ben fatto 😀

    Mi piace

    1. mattiabertaina ha detto:

      Grazie! Continua a seguirci! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...