Recensione: Avengers – Age of Ultron

AvengersGenere: Fantascienza

Regia: Josh Whedon

Cast: Robert Downey Jr, Chris Hemsworth, Chris Evans, Mark Ruffalo, Jeremy Renner, Scarlett Johansson, Aaron Johnson, Elizabeth Olsen,   Cobie Smulders, Samuel L. Jackson, Andy Serkis

Durata: 142 min.

Distribuzione: Walt Disney

 

Dopo l’ultimo capitolo su Captain America e l’esordio dei folli (ma divertenti) Guardiani della Galassia nell’universo cinematografico Marvel, i Vendicatori tornano sul grande schermo sempre sotto la direzione di Josh Whedon, autore già del primo episodio degli Avengers. La storia riprende da dove ci aveva lasciato Steve Rogers nell’episodio del 2014 The Winter Soldier: l’Hydra, organizzazione criminale nata nel periodo nazista e riapparsa dopo i tragici eventi accaduti a New York, più che mai vuole scoprire i segreti nascosti dietro la fonte di energia aliena proveniente dallo scettro di Loki, fratellastro di Thor. Il gruppo di supereroi, oltre a dover affrontare questa cellula terroristica, devono tuttavia far fronte alla situazione attuale della squadra. Pur con la forza e i mezzi a loro disposizione, la possibilità che i Vendicatori possano nuovamente bloccare un’ulteriore avanzata aliena è davvero ardua. Per questa ragione Tony Stark, assieme a Bruce Banner, ha compiuto una serie di esperimenti che porteranno verso la creazione di un’intelligenza artificiale in grado di salvare il mondo. La nascita di Ultron, androide dalle fattezze umane, porterà non pochi problemi ai protagonisti, i quali dovranno seriamente affrontare la sua incredibile potenza e la sua visione di pace, che non rappresenta la salvezza, ma la distruzione dell’intera umanità.

ageofultron

Josh Whedon è riuscito a sorprendere ancora. Mantenere il ritmo del primo film non era semplice. Tuttavia Avengers: Age of Ultron è riuscito ad andare oltre a questo ostacolo. Oltre al buon coinvolgimento in termini sia di montaggio sia della regia, il film si supera anche sotto l’aspetto del contenuto. Se nel primo film all’azione dura e pura si susseguono scene umoristiche davvero spassose, qui è l’introspezione a essere protagonista (anche se in questa pellicola le sequenze divertenti non mancano). Il lungometraggio, con l’entrata in scena di Scarlet Whitch, personaggio in grado di distorcere e manipolare la realtà nelle menti delle persone, mostra senza sfumature il passato di molti personaggi della storia, “spogliandoli” di ogni potere e mostrando quelle debolezze che, una volta indossata la maschera, devono essere occultate per affrontare ogni insidia. La forza di questo film sta, come già accaduto in altri, nell’umanizzare ciò che prima rappresentava la perfezione di un gruppo che sembrava non avere rivali. Il nemico non sta in qualche universo parallelo, ma si trova nella coscienza di ognuno di loro, e nelle conseguenze che alcune scelte si ripercuotono sulla loro vita. Non è un caso che la coscienza di Ultron si basi radicalmente sulle esperienze di Stark, rappresentando in qualche modo l’alter ego (in negativo) del villain. Inoltre, pur con qualche vuoto all’interno della storia che danno l’impressione che ci siano stati tagli drastici nella fase di post produzione, l’equilibrio espresso nella sceneggiatura  propone un approfondimento dei vari personaggi , oltre al “genio, miliardario, playboy, filantropo” Iron Man, al “divino” Thor e al “patriottico” Capitan America. Finalmente vengono sottolineati alcuni aspetti relativi all’affascinante Vedova Nera (in particolare al suo rapporto con Bruce Banner) e al vivace Occhio di Falco, oltre all’introduzione di due nuovi supereroi che sono Quicksilver e la già citata Scarlet, con l’unica eccezione di Ultron, sul quale si poteva certamente effettuare un’analisi più approfondita. Gli attori, come sempre, si superano in interpretazioni mai sottotono, tra i quali spicca Scarlett Johansson, per la prima volta vera protagonista del film, il solito Robert Downey Jr, alle prese con il piccolo casino commesso durante gli esperimenti in laboratorio, e Chris Hemsworth, che con il Dio del Tuono ci regala anche qualche chicca nelle scene humor che la Marvel ci ha spesso abituato.

Voto: 3 su 5

Il trailer:

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ivan ha detto:

    Non eccezionale, anzi: confusionario e poco logico, talvolta messo in scena in maniera del tutto superficiale e approssimativa. Io gli ho dato 2,5 stelle

    Liked by 1 persona

    1. Riccardo227 ha detto:

      Ho appena letto la tua recensione. Il film purtroppo è stato vittima di tagli durante la post produzione. Si sentono naturalmente dei buchi nella trama. Al contrario di quanto hai scritto, mi è piaciuto molto il personaggio di Scarlet Whitch. Poi, come ho già scritto, i personaggi sono molto approfonditi, soprattutto quelli che in precedenza sono stati messi in secondo piano (vedi la Vedova Nera). Ho apprezzato molto l’introspezione dei protagonisti. L’unica cosa che mi sarebbe piaciuto molto vedere era una maggiore preparazione per la fase tre, soprattutto a Civil War

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...