Recensione: Nocturnal Animals


Genere: Drammatico

Regia: Tom Ford

Cast: Amy Adams, Jake Gyllenhaal, Aaron Taylor-Johnson, Armie Hammer, Isla Fisher

Durata 115 min.

Distribuzione: Universal

Susan possiede una delle gallerie d’arte contemporanea più famose e prestigiose della città. È sposata con un uomo di successo, e le sue opere, mostrate sin dalle prime inquadrature, rappresentano le due parole chiave che l’arte moderna concede al grande pubblico: innovazione, provocazione. Un giorno riceve un manoscritto dal suo ex marito Edward. Si erano conosciuti all’università, e al primo impatto era scattata la scintilla. Sono passati anni dal loro divorzio, ma Susan accetta di buon grado la proposta di dare una prima lettura al romanzo.

Da qui Nocturnal Animals cambia improvvisamente pelle. Da un tono drammatico si passa a un road movie che il genere thriller spesso ci ha regalato. Cambiano i personaggi, ma non i volti degli attori. Tony, che con la famiglia intraprendono un lungo viaggio verso il deserto del Texas, si trova davanti due macchine che si fiancheggiano lungo la strada. Lui vuole passare, ma uno di questi veicoli non sembra cedere il passo. Da qui in poi il thriller prende forma man mano che le pagine vengono sfogliate da Susan, portando il film a un livello di narrazione davvero complesso e intrigante. L’intreccio delle storie, le similitudini tra i diversi personaggi all’interno della pellicola, plasmate da una regia rigida, geometrica, pragmatica di Tom Ford, trasporta lo spettatore in una vicenda che vede generi e sensazioni sovrapporsi con totale armonia, dal melodramma al più classico dei crime. C’è azione, desiderio di vendetta e di giustizia, ma anche ricerca estetica e una forte denuncia alla società odierna. Le relazioni sociali, il rapporto tra individui, qui vengono rappresentati come se fossero aspetti futili, di discreta importanza. La relazione tra Tom e Susan, personaggi totalmente distanti non solo per la professione (il primo scrittore, la seconda gestisce una galleria d’arte), ma anche per l’approccio alla vita, era all’inizio basato su un sentimento. Sentimento che si è rivelato per lei un’illusione, dal momento che la ragazza possiede degli obiettivi, delle priorità che si discostavano da quelli di Tom, definito spesso nel film come un “debole”, un uomo che non è in grado di sopravvivere agli animali notturni, che quando meno se lo aspetta attaccano la preda strappando tutto ciò che possiede un grosso valore per quella persona, sia materiale che simbolico. Non basta, perché queste bestie non si accontentano, tanto da intaccare la stessa dignità dell’uomo, in lotta per la sopravvivenza. Tutto questo in Nocturnal Animals è stato possibile anche grazie alle interpretazioni di Amy Adams e Jake Gyllenhaal, assolutamente perfette nelle parti con una recitazione davvero imponente. È difficile rimanere passivi di fronte ai  brividi, le emozioni provate dai protagonisti, come è difficile rimanere indenni di fronte a un film semplicemente straordinario, da non perdere.

Voto: 4 su 5

Il trailer

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...