Recensione: Doctor Strange

doctor-strange

Genere: Fantascienza

Regia:  Scott Derrickson

Cast: Benedict Cumberbatch, Chiwetel Ejiofor, Mads Mikkelsen, Rachel McAdams, Tilda Swinton

Durata: 130 min.

Distribuzione: Walt Disney

 

Uno dei fumetti più eccentrici di casa Marvel, ideato dal genio di Stan Lee, è stato l’ispiratore letterario dell’ultimo film presentato dai Marvel Studios, necessario tassello nell’universo espanso Marvel connesso (forse) al filone narrativo degli Avengers e a quello dei Guardians of the Galaxy nel prossimo Infinity War, secondo le speranze del regista Kevin Feige. La parabola narrativa del lungometraggio riproduce una struttura classica senza cedere a interpretazioni o devianze dal nucleo originale, descrivendo il cammino di trasformazione di un noto ed arrogante neurologo statunitense che da luminare con le mani fratturate assurge a stregone in grado di riparare il continuum spazio temporale attraversando le innumerevoli dimensioni che compongono l’universo.

Tra i punti di forza si annoverano le interpretazioni di un nutrito cast di attori di prima grandezza, in alcuni casi estranei ai filoni cinematografici superomistici. Benedict Cumberbatch (per tutti Sherlock Holmes), diventato meritatamente uno degli attori più importanti nel panorama hollywoodiano contemporaneo, conduce i fili e traccia simboli mistici nell’aria, non rinunciando al suo inconfondibile eloquio recitativo. La sua figura rimane il polo magnetico di ogni inquadratura, risultando protagonista assoluto anche a livello stilistico. Attorno ruotano i ruoli di tanti attori di indiscutibile talento, da Tilda Swinton a Chiwetel Ejofor, da Rachel McAdams a Mads Mikkelsen. Un cast internazionale che saccheggia senza alcun ritegno interpreti di film d’autore, la cui presenza, dopo un iniziale sconcerto, plasma la credibilità di un film che fonda sulla magia e la manipolazione spontanea di materia ed energia i suoi comandamenti principali, opponendosi al pragmatismo scientifico di Iron Man e degli Avengers, in cui l’universo tecnocratico non viene messo in discussione. L’operazione, seppur rischiosa, è riuscita a delineare i tratti di un personaggio fra i più potenti nell’Universo Marvel, che si potrà inserire a pieno titolo nelle pieghe della nuova saga.

doctor_strange

Gli effetti visivi sono il secondo pilastro su cui si struttura il film. Una delle sequenze più affascinanti vede il protagonista sbalzato nell’infinita varietà degli universi che compongono il tessuto del reale, sancendo la presa di coscienza della limitatezza della sua visione del mondo, ancorata alla scienza, che viene scardinata visualmente dalla variopinta immersione in strani mondi, nei quali il corpo e lo spirito di Cumberbatch viene lanciato, modificato, rifratto e moltiplicato per poi tornare all’origine. Il film è uno dei più riusciti nelle produzioni Marvel, che negli ultimi anni sta dando il meglio di sé (almeno a parere di chi scrive) sul piccolo schermo, nelle serie televisive prodotte in partnership con Netflix, mentre al cinema le ultime saghe, da Thor agli Avengers, sono risultate ripetitive e narrativamente scarne. Per i più fedeli seguaci di Stan Lee, attenzione ai titoli di coda: il film offre ben due scene post credit agli spettatori più pazienti.

 

Voto: 3 su 5

 

Il trailer

 

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. 321Clic ha detto:

    La trasposizione è perfettamente riuscita, la scelta del cast ha aiutato tantissimo. Non è un filmone che rimarrà nella storia, ma due ore filano via lisce divertendosi.

    Liked by 1 persona

    1. Francesco Lughezzani ha detto:

      Sono d’accordo. La mia curiosità maggiore riguarda l’ipotesi di incrociare il suo personaggio con il resto dell’Universo Marvel, operazione apparentemente idiosincratica. Non sono poi del tutto sicuro sulla necessità di un sequel, staremo a vedere.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...