Netflix: i film da non perdere (Vol.2)

Sin Nombre

Eccoci con il secondo appuntamento mensile con i film da non perdere su Netflix. Dopo avervi introdotto a grandi linee il servizio e consigliato le prime quattro pellicole, ecco la nostra seconda lista dei film che non bisogna lasciarsi assolutamente scappare.

– Il concerto (****)

Il concerto del regista Radu Mihaileanu racconta la storia di Andreï Filippov, un direttore d’orchestra spodestato del suo palcoscenico al teatro Bolshoi per via della politica dura e infame di Brežnev al tempo dell’Unione Sovietica. Dopo anni passati a pulire l’intero complesso, un occasione d’oro, quello di andare a Parigi al Théâtre du Châtelet, arriva nelle mani di Andreï, che rivuole a tutti i costi di riprendere in mano la bacchetta e ridare vita alla sua passione per la musica. Un film che, aiutato dai suoni, è capace di emozionare il pubblico sotto ogni punto di vista: ti commuove, ti strappa qualche risata senza abbandonare il filo che accompagna tutto il racconto. Un filo che è difficile spezzarsi, come quello che collega Andreï e la sua musica, e non solo.

– La parte degli angeli (***)

La parte degli angeli di Ken Loach mostra la difficile condizione precaria di Robbie nel quartiere disagiato di Glasgow,  senza comunque rimettere quel lato ironico che parte del suo cinema ci ha accompagnato negli anni. Il ragazzo, dopo aver rischiato la galera per un duro pestaggio avvenuto nella zona, viene condannato a 300 ore di lavori sociali, sotto la guida di Rhino. L’uomo vuole aiutare lui e il gruppo che in quei giorni si è preso in carico dopo le direttive del giudice, mostrando una strada che non per forza deve riguardare la delinquenza. In particolare, scopre che Robbie riesce a percepire i gusti dei vari tipi di whisky, e per questa ragione cerca di portarlo a conoscerne il mondo e le sue sfumature. Un film che riesce a mischiare la commedia con parti decisamente tragiche, senza che nessuna sorvoli o trascuri l’altra.

– Romanzo di una strage (****)

Romanzo di una strage è un film coraggioso, con attori fuori dal comune, da Fabrizio Gifuni nella parte di Aldo Moro a Pierfrancesco Favino e Valerio Mastandrea che incarnano rispettivamente Giuseppe Pinelli e il vice-responsabile della Polizia Politica della Questura di Milano Luigi Calabresi. Tutte questi personaggi, distanti per il ruolo che ricoprono, vivono il periodo di piombo che finisce con atti che hanno radicalmente cambiato  la storia della Repubblica italiana. Qui in particolare il racconto di Marco Tullio Giordana si concentra nel 1969, l’anno della strage di Piazza Fontana, avvenuta all’interno della Banca nazionale dell’agricoltura. Il regista ha raccolto le contraddizioni di un Paese che in quel periodo non è riuscito a tutelare i propri cittadini, i quali hanno visto le proprie certezze sfumarsi poco a poco. Un colpo nello stomaco.

– Sin Nombre (*** 1/2)

Sin Nombre è il primo film di Cary Fukunaga (regista già trattato nel precedente post con Beasts of No Nation, e famoso ai molti per True Detective) presentato nel 2009 al Sundance Film Festival. L’autore in questo caso si trasferisce in Messico, e racconta le vicende di due ragazzi: Willy, giovane appartenente all’organizzazione criminale Mara Salvatrucha a Tapachula, e conosciuto ai molti come El Casper; Sayra, ragazza dell’Honduras che scappa assiema alla sua famiglia verso gli Stati Uniti, nel New Jersey. Le loro vite si incrociano a La Bombilla, quartiere cittadino dove i migranti stazionano prima di prendere il treno che li porta fuori dallo Stato messicano. Un film toccante, struggente, che non lascia spazio a interpretazioni sul livello di insicurezza che il Messico da molti anni si trova a dover convivere.

 

Qui si parla (anche) di Serie tv:

Netflix ha in serbo delle cartucce molto interessanti anche nel campo delle serie televisive. Anche se di norma noi parliamo di cinema e non di serial, è giusto comunque citare due lavori di grande qualità:

– Narcos (****)

“Plata… o Plomo?” La serie tv firmata Netflix racconta la vita di Pablo Escobar, famoso narcotrafficante colombiano che non sembra volersi fermare al traffico di cocaina, ma ha l’obiettivo di diventare presidente e poter comandare così l’intera nazione. Non ha fatto però i conti con la DEA, agenzia federale antidroga pronta a tutto per fermare gli scambi dalla Colombia agli Stati Uniti. Una serie tv davvero interessante che mette in luce un uomo che è riuscito a mettere in crisi anche uno Stato potente come quello a stelle e strisce. Da non perdere

– Marvel Daredevil (****)

La prima serie Marvel di Netflix rende giustizia a un personaggio che sul grande schermo non è riuscito a brillare. Protagonista è Matt Murdoch, che da bambino, salvando la vita a un signore in pericolo, ha perso l’uso della vista, colpito da materiali radioattivi. Questo tuttavia ha reso gli altri sensi (come l’udito) molto più sviluppati rispetto agli altri, e questo lo aiuterà moltissimo a lottare contro chi da anni sta lucrando su Hell’s Kitchen, come Wilson Fisk. Clima dark, personaggi ben curati, dai personaggi principali al villain della serie, e una regia davvero ben congegnata, dalla prima all’ultima puntata.

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Blackgrrrl ha detto:

    praticamente ho visto solo il concerto anni fa al cinema e l’ho adorato e continuo a consigliarlo. diario di una strage e dalla parte degli angeli sono in lista e li vedrò a breve 😀

    Liked by 1 persona

    1. Riccardolore ha detto:

      Te li consiglio. Mettili in lista, soprattutto Romanzo di una strage e Sin Nombre.

      Liked by 1 persona

      1. Blackgrrrl ha detto:

        lo farò 🙂 Sin Nombre non lo conoscevo proprio

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...