TFF 32

tff32-jerry-schatzberg-500x353

TFF 32: bilancio sicuramente positivo

(7 dicembre) C’era attesa per la prima da Direttore o meglio, Direttrice del Festival della critica Emanuela Martini, dopo una edizione decisamente riuscita guidata lo scorso anno da Paolo Virzì(rimasto per l’occasione “Guest director”). Torino ha da sempre un’impronta cinefila forte, marcata, orgogliosa della sua indipendenza dai grandi nomi, da sempre votata alla ricerca e all’investimento su nuovi cineasti emergenti di tutto il mondo. (continua a leggere)

Recensioni:

Bypass

For some inexplicable reason

La teoria del tutto

Life after Beth

Magic in the Moonlight

N-Capace

Ogni maledetto natale

Stray Dog

The Babadook

The Duke of Burgundy

The Drop

The Rover

What we do in the Shadows

Whiplash

Wild

Wir Waren Könige


Multimedia:

Incontro con Dario Argento


 

Incontro con Eddie Redmayne


 

L’incontro con Daniele Gaglianone (parte 1)

La seconda e terza parte sono visibili sul nostro profilo youtube! 🙂


 

L’incontro con il cast di Ogni maledetto Natale


L’incontro con Jim Mickle. Presentazione del film Cold in July 


 

News: 

TFF 32: il “magico” programma del festival

(18 novembre) Manca poco alla manifestazione che, anno dopo anno, propone cinema di qualità. La 32° edizione del Torino Film Festival, dopo la conferenza stampa dell’11 novembre scorso, ha preso una direzione ben precisa: più cinema stellare, meno stelle. Perché nelle edizioni guidate da Nanni Moretti e Gianni Amelio, ci sono stati film accompagnati da molti autori illustri. Quest’anno, nonostante i tagli, le pellicole non mancano. I 197 lungometraggi accompagneranno il pubblico nelle giornate che vanno dal 21 al 29 novembre. (continua a leggere).


La conferenza stampa

(11 novembre). Qui la timeline della conferenza stampa TFF32 avvenuta alla Casa del Cinema:

– Film d’apertura: Gemma Bovery di Anne Fontaine (presente alla cerimonia)
– Film di chiusura: Wild di Jean Marc-Valée
– Alla cerimonia di chiusura un’ospite di eccezione: Anna Mazzamauro
– Il Gran a Premio Torino a un regista molto vicino allo spirito del TFF: Julian Temple
– Assegnato da Maserati un riconoscimento per un giovane talento: Eddie Redmayne per The Theory of Everything
– La giuria di Torino32 sarà composta da Ferzan Ozpetek (presidente), Geoff Andrew, Carolina Crescentini, Debra Granik e Georgy Palfi
– Ci sarà Profondo Rosso, restaurato e presentato da Dario Argento
– Ci sarà Magic in The Moonlight di Woody Allen
– Ci sarà P’tit Quinquin di Bruno Dumont
– La Sezione Diritti&Rovesci curata da Paolo Virzì verrà composta da 5 storie 5 ritratti 5 avventure dirette da 5 donne (+ un coregista): Anonietta De Lillo, Susanna Nicchiarelli, Wilma Labate, Costanza Quatriglio, Erika Rossi e Giuseppe Tedeschi
– Ci sarà The Disappearance of Eleanor Rigby di Ned Benson
– Nella sezione documentari, un esperimento con tematica dedicata alla Democrazia: 5 film 5 incontri 5 riflessioni sul concetto di democrazia: Angriff auf die Demokratie – Eine Intervention di Romuald Karmakar; Approaching the Elephant di Amanda Rose Wilder; Iranien di Mehran Tamadon; Qui di Daniele Gaglianone; Srok di Pavel Kostomarov, Aleksei Pivovarov e Aleksandr Rastorguev;
– Tra i film italiani, Togliatti(grad) di Palombini/Schiavi e Ogni Maledetto Natale della banda di Boris
– il 20 novembre preapertura con Josephine Jambox e Josephine Decker
– Ci sarà Eugene Green con il suo ultimo film La sapienza
– Tra i film già preannunciati, The Drop di diretto da Michaël R. Roskam, interpretato da Tom Hardy, Noomi Rapace e James Gandolfini
– Tra i film già preannunciati Cold in July, di Jim Mickle

– Il programma completo è disponibile sul sito della manifestazione. Per scoprire i film, clicca qui
– Il programma è disponibile anche in PDF. Per leggere il catalogo, clicca qui

La conferenza stampa (parte 1)

(parte 2)


 

I film d’apertura e di chiusura del festival

(4 novembre) Il film d’apertura del prossimo Torino Film Festival sarà Gemma Bovery di Anne Fontaine, con Gemma Artenson (Prince of Persia: le sabbie del tempo, I love radio rock) e Fabrice Luchini (Molière in Bicicletta, Nella casa). La pellicola tratta delle vicende di Martin, panettiere con una grande immaginazione su tutto ciò che gli sta intorno. Non appena una nuova coppia viene ad abitare nel suo isolato, l’assonanza dei loro nomi (Gemma e Charles Bovery) genera in lui un collegamento con l’opera Madame Bovary, rivivendo così il capolavoro di Flaubert. La regista Anne Fontaine sarà presente alla cerimonia di apertura del Festival, il 21 novembre al Lingotto. (continua a leggere)

←Torna a Torino Film Festival

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...